cosa fare se si perde un animale domestico

da http://www.animalipersieritrovati.org

Come comportarsi quando avete perso un animale da compagnia

Certo, facile a dirsi e ben più difficile a farsi ma innanzitutto… state calmi!

Iniziate le ricerche appena vi rendete conto che il vostro beniamino è scomparso o “non rientrato” come di consueto.

Cercate di ricostruire esattamente data, ora, luogo e modalità dello smarrimento.

Preparate un volantino con descrizione esatta di quanto avvenuto e dell’animale perso con tanto di fotografia (scarica il volantino pre-compilato http://www.animalipersieritrovati.org/poster.shtml).

L’immagine scelta deve essere nitida e raffigurare l’animale in questione nel modo più riconoscibile possibile anche a sconosciuti (scarica il volantino pre-compilato http://www.animalipersieritrovati.org/poster.shtml).

Non dimenticatevi di inserire: la data, il vostro nome e numero di cellulare (possibilmente non il numero di telefono).
Segnate ripetutamente i vostri dati sulla parte inferiore del volantino, su tante linguette intagliate, in modo che chi non ha da scrivere con se può staccare solo i numeri di telefono e non tutto il volantino.

Usate un semplice formato A4 .
Per affiggere i volantini munitevi di nastro adesivo, tipo quello bianchiccio di carta gommata usato per proteggere il vetro quando si riverniciano le finestre. Questo tipo di nastro è resistente all’acqua e al contempo si lascia facilmente togliere quando avrete ritrovato il Vostro animale.
I posti di maggiore visibilità sono gli incroci stradali, le grondaie delle case e i pali vicini alle fermate degli autobus. Cercate di non usare/coprire i pali della segnaletica stradale!

Comunicate lo smarrimento avvisando e/o distribuendo i volantini a:
• tutti i vicini di casa/isolato/quartiere
• tutti i veterinari, consultando pagine gialle/elenco telefonico
• le ASL di competenza e l’anagrafe canina
• i canili locali
• i gattili locali
• le gattare che accudiscono le colonie feline
• i vigili urbani
• i vigili del fuoco
• gli uffici comunali (Ufficio Relazioni con il Pubblico e Ufficio Diritti degli Animali)
• radio e tv locali
• negozi che vendono cibo per animali
• supermercati
• centri commerciali
• scuole
• farmacie
• chiese
• uffici postali
• banche
• il centro anziani
• il servizio autobus (raggiungendo così tutti gli autisti)

• amaro a dirsi ma ricordatevi di contattare anche l’ufficio della nettezza urbana…

Di grande aiuto risulta l’invio dell’annuncio di smarrimento anche al giornale/quotidiano locale. Rivolgete la vostra lettera al Direttore. Spesso e volentieri queste testate sono disponibili a pubblicare la vostra richiesta di aiuto, per di più anche gratuitamente.

E naturalmente vi chiediamo di inserire il vostro annuncio qui su http://www.animalipersieritrovati.org.

E per le ricerche? Oltre che a controllare a menadito casa vostra ed il giardino (se lo avete), ispezionate sistematicamente anche i seguenti posti vicini alla vostra abitazione:
• cortili
• cantine
• locali adibiti a caldaie
• androni
• solai
• tetti ed altane (senza rischiare l’osso del collo. Il vostro animaletto ha bisogno di voi, vivi e vegeti!)
• edifici dismessi (sempre senza rischiare la vostra incolumità. Se vi cacciate nei guai sarà colpa vostra e risponderete anche per eventuali danni!)
• rimesse e garage
• cantieri (dopo aver chiesto autorizzazione di accesso al capo cantiere…)
• giardini pubblici
• giardini privati (dopo aver chiesto autorizzazione ai legittimi proprietari)

Quando andate alla ricerca di un animale che vi conosce bene, chiamatelo ripetutamente con voce tranquilla ma non contate sul fatto che vi risponda.
Un animale smarrito solitamente è impaurito e non si comporta come quando è a casa o in un ambiente familiare.
Non necessariamente risponderà ai vostri richiami. Tornate quindi spesso anche negli stessi posti perché la fiducia va… riguadagnata!

E ricordatevi che la fame e la notte possono essere alleati preziosi per ritrovare il vostro beniamino.

In igieniche ciotoline usa&getta dislocate un po’ del suo cibo preferito in prossimità di casa vostra costruendo una vera e propria pista di atterraggio per fiuto e papille gustative. In prossimità di casa sua/vostra sarà più facile ritrovare la strada di casa.

Tornate metodicamente a controllare e riempire queste ciotoline se le trovate svuotate. Chi le svuota nottetempo potrebbe essere proprio l’animale che state cercando.

Quando siete in perlustrazione cercate di emettere anche rumori familiari. Ci sono animali che accorrono gioiosi (a casa!) quando sentono per esempio un mazzo di chiavi “suonare” in segno di riconoscimento.

Approfittate per fare i vostri giri di ronda anche la sera o al mattino presto,quando il rumore delle macchine non annienta le vostre orecchie e la vostra voce. E andate in giro sempre con:
• una buona torcia
• il cellulare carico
• volantini da distribuire
• carta e penna per appunti

E una volta che vi siete ritrovati?

Andate subito dal veterinario per un controllo e se il vostro animale ancora non fosse registrato presso ASL/Anagrafe Canina provvedete immediatamente. Rinfrescate i tatuaggi, fate applicare un microchip e mettete al vostro animaletto un collare con targhetta che riporta nome e numero di telefono.
Ai proprietari di gatti si sconsiglia vivamente l’uso di cartigli portanome che pendono. Usate quelli in metallo, leggermente ricurvi, da far incidere e da cucire direttamente sul collare del micio.

Annunci